ARENILE

 

Bevono i sassi l’acqua

del mare con bocche rugose

di sale mentre tentano amplessi

frenetici capricci di schiuma,

subito dispersi tra le macerie

di scomposte solitudini.